Ciro Fornaro Ceramics

For the past five years, I have spent my summer holidays in salty-air Salento, the region at the heel tip of Italy’s boot. I had a well-oiled routine made up of lazing at the beach (Salento has some of the best beaches on mainland Italy, such as the crystalline waters of Punta Prosciutto) and overindulging in authentic Italian home cooking.

Last summer however, I decided to venture a little further and explore the hidden charms of Puglia, beyond wine tasting in the various masserie.

Design lovers will know that the medieval town of Grottaglie, located in the province of Taranto, is worth a detour for its worldwide famous artistry expressed in local ceramics.

The pottery district surrounding the historic centre gathers over 50 workshops (dug into soft stone to form grottos) and stores, boasting sophisticated terracotta works in countless shapes and vivid colours. Generations of artisans have and continue to turn clay into pots, jugs, plates, cups, sculptures as well as the famous glazed ceramic “pumo”.

For my part, I was scouting around for simple pieces that I would love forever and would not tire of. I was instantly drawn by the timeless and highly textural pieces featuring organic shapes and neutral hues by Ciro Fornaro, the late owner of the workshop. And I wasn’t gonna walk away empty-handed…

ABOUT THE WORK

Fornaro ceramics steer away from current trends. The singular pieces displayed in Ciro’s workshop are the result of a lifelong technical and stylistic experimentation as well as a personal interpretation of life. The sculptor-ceramist used his craft to explore the civilisation origins and the notion of self, and to subsequently express them through shapes and lines in an authentic way. This profound and intimate work gave birth to objects that present a primitive yet contemporary feel, detached from any specific time period; ceramics and sculptures that he created in the 1970s still look stylish today.

The handmade production reflects the owner’s values and his business ethos. The artful objects are crafted in limited editions and each piece exhibits some nuances – whether in the irregular shape, the engraved design or the shades of colour – which makes it irrevocably unique.

Ciro’s work was also largely influenced by the territory, as the Greek colonisation from the 8th century BC left a long-lasting imprint on the southern part of the Italian Peninsula. The Hellenic civilisation is indeed intrinsically woven in the culture of coastal areas in Southern Italy – namely, the regions of Campania, Apulia, Basilicata, Calabria and Sicily – formerly called Magna Graecia (“Great Greece”). When Ciro started learning about the ceramic craft at about 8 years old, Grottaglie was known for the Greek style of ceramics and reproductions of Magna Graecia original forms. History had a great impact on the development of the artisan’s style, both in terms of creative vision and technical skills.

Classical mythology depicted on vases and amphorae inspired Ciro to design a series of large plates which highlight with vibrant colours and a modern twist iconic scenes – such as the stories of Ulysses (Odysseus), a cunning hero characterised by the desire for constant exploration, and Hercules (Heracles) who exemplified courage and a remarkable life force -.

Ciro tending a delivery of clay – photo courtesy of Fornaro Ceramiche
Drying ceramics – photo courtesy of Fornaro Ceramiche

ABOUT HIS LEGACY AND GIUSY’S THOUGHTS

I was so fascinated by Ciro’s work and creative approach that I caught up with Giusy, one of his three daughters. Giusy evokes fond memories of watching her dad in the workshop. “Our father was persistent, reserved and energetic,” she tells me. “I remember the triptych sculptures ‘Ona’, ‘Usi’ and ‘Ela’ as a child, and I liked the idea that dad had given them our names. Today this fact fosters our bond even more.” The laboratory keeps on bearing the name of Fornaro Ceramiche to emphasise a faithful continuity in artistic and stylistic choices as well as in the extensive research activity that characterised Ciro’s work. The 3 daughters cultivate his distinct streamlined style in consonance with their individual strengths. When asked what her definition of beauty is, Giusy replies: “an object is beautiful if it generates positive emotions in me, moves my soul and makes me reflect on the meaning of things.”

ABOUT INTERNATIONAL REPUTATION AND EXHIBITIONS

Fornaro Ceramiche has enjoyed a national and international success, notably through their own exhibition space called Galleria Il Diagramma, which hosted several art exhibitions – including a personal expo by Ernesto Treccani in 1986 and 4 editions of the International Biennial of Contemporary Ceramics. Today, in addition to housing the handmade production, the peculiar space excavated in an underground cave made of carparo accommodates a curated collection of ceramics by contemporary artists from all over the world. Fornaro Ceramiche has also participated in international design fairs in Milan.

Ciro Fornaro with Ernesto Treccani in Grottaglie on the occasion of the Milanese artist’s solo exhibition at the Diagramma art gallery: Studioeffe, December 1986 – photo courtesy of Fornaro Ceramiche

ABOUT THE PRODUCTS

Fornaro’s most popular collections include the mythological series of majolica plates, the ‘Back to the origins’ sculptures and the Mediterranean pottery collection with engraved faces.

Each collection originates from an intuition, a vision of an object that relates to an idea or a specific use. The next step in the process consists in probing the project technicalities and adjustments. The craftsmen also carry out a phase of testing to find out which coating is best suited for a given surface or sculpture. Sometimes, the idea can arise from a fortuitous incident within the creative process, outside or inside the oven.

ABOUT THEIR CURRENT ACTIVITY

The health emergency caused by Covid-19 has deprived many ceramic shops over the summer, and still at this time, of a substantial fraction of holidayers from the US and elsewhere in Europe. However, the lockdown was also an opportunity for the Fornaro family to pause and experiment with new coatings and techniques.

While it has been impossible to physically visit the shop and delight in the tactile experience, Fornaro Ceramics has supplemented their website with a shop section; social pages are constantly enriched with new content and behind-the-scenes.

The family-owned business offers an international shipping service and relies on the best professionals to deliver these rare works of art. You can find all their beautiful pieces on their website, Facebook page and Instagram account.


Versione italiana

1. La ceramiche Fornaro hanno uno stile inconfondibile e unico, voi come lo definireste? 

 Giusy : credo che “senza tempo” sia un aggettivo appropriato. La nostra produzione è slegata dal concetto di moda del momento, poiché è frutto di una ricerca, tecnica e stilistica, che parte dal’interno e si concretizza nelle forme d’argilla. Pezzi e sculture di papà realizzati negli anni ’70 sono ancora oggi incredibilmente attuali !

2. Il vostro sito web menziona come la carriera di Ciro sia iniziata dalla pittura vascolare greca, potresti approfondire al riguardo? In particolare vorrei sapere quale fosse il legame tra l’arte greca antica e vostro padre e in che modo essa abbia influenzato il suo lavoro.

Giusy : Papà ha appreso l’arte ceramica sin da piccolissimo, intorno agli 8 anni andava già come apprendista in bottega e a quell’epoca Grottaglie era conosciuta per lo stile greco delle ceramiche, riproduzioni di forme originali della Magna Grecia, di cui Taranto è stata capitale nell’VIII sec a. C.

Ciò ha avuto una grande influenza nello sviluppo del suo stile, come rielaborazione delle tecniche classiche del graffito, come rivisitazione delle forme, come spunto creativo in generale.

Papà era affascinato dalla mitologia classica, dalle storie che venivano raffigurate su vasi ed anfore, che lo hanno ispirato in seguito nella realizzazione di una serie di grandi piatti ispirati a scene mitologiche in chiave moderna.

3. I piatti rappresentano mitologia e storie antiche con colori vibranti – potresti per favore darmi il titolo di una o due storie da cui Ciro ha tratto più ispirazione? 

 Giusy : Il mito di Ulisse , eroe moderno caratterizzato dalla volontà di ricerca ed esplorazione costante,

 Eracle o Ercole, caratterizzato da una notevole forza vitale e coraggio,

 sono alcuni titoli di questa serie di piatti , entrambi eroi della mitologia greca

4. Cosa ha ispirato la sua vena creativa?

Giusy :Il filo conduttore del lavoro lungo una vita è stato il ritorno alle origini, della civiltà e della vita stessa dell’uomo, pur mantenendo forte il legame col territorio ,mentre dal punto di vista tecnico la sperimentazione costante e la ricerca dei rivestimenti più adatti ad esprimere tali valori

5. Cosa ha cercato di ottenere attraverso il suo lavoro? 

Giusy : Il lavoro di scultore-ceramista è stato un mezzo di espressione-comunicazione della vita stessa, quindi arte come impegno costante di ricerca delle origini e del sé, in una visione altamente etica

6. Nel sito si accenna all’impronta originale di Ciro: come la definiresti nel dettaglio?

Giusy : La spinta creativa è data dalla ricerca continua e viene dalle sue espressioni più intime ed autentiche, in un costante sforzo di sintesi, delle forme e delle linee, che esaltano l’essenza stessa dell’arte, e della vita, strettamente connesse tra loro.

7. Se potessi descrivere tuo padre in tre parole, quali sarebbero?

Giusy : costante, riservato, energico

8. Come la vostra famiglia sta portando avanti la sua eredità?  

Giusy : In primis Il laboratorio continuerà a chiamarsi allo stesso modo, proprio per sottolineare la continuità nelle scelte artistiche e stilistiche, e nel lavoro di ricerca sui materiali ceramici.

Sicuramente ognuna di noi 3 figlie continuerà a dare il suo contributo creativo seguendo la propria ispirazione ed inclinazione, ma sempre restando nello stile pulito, fresco e moderno improntato da papà.

Mia sorella Antonia si occupa prevalentemente degli aspetti decorativi, Pamela di quelli scultorei e tecnici, essendo laureata in Scultura all’Accademia di Belle Arti, io sono più orientata alla sperimentazione di nuovi rivestimenti,e mi occupo della comunicazione in generale

9. Quali sono le vostre collezioni principali o più popolari di sculture e ceramiche? 

Giusy : Piatti in maiolica cm 60 serie mitologica

Sculture Ritorno alle origini : Neolitico, Peucezio, Japigio, Rovine messapiche, Dolmen

Collezione Mediterraneo con volti incisi

10. Come concettualizzate le vostre collezioni? Potreste descrivermi come nascono le idee che materializzate nelle vostre ceramiche? 

Giusy : Sicuramente a monte c’è una “intuizione”, una visione di un qualcosa, di un oggetto, che sia funzionale o prettamente decorativo, legato ad un’idea, o ad un uso in particolare. In seguito questa idea viene messa su carta o comunque c’è una fase di studio tecnico del progetto, della sua fattibilità e di accorgimenti da usare per un lavoro ad hoc.

Facciamo anche tante prove su quale rivestimento possa andare bene per una data superficie o scultura.

A volte poi le idee nascono proprio dagli “incidenti di percorso” che possono capitare di tanto in tanto, sia fuori che, soprattutto, dentro il forno.

11. Le ceramiche e le sculture da cui sono stata particolarmente attratta quando ho visitato il vostro negozio hanno un’atmosfera primitiva ma allo stesso tempo contemporanea – come si ottiene questo equilibrio? 

Giusy : La “ricerca delle origini” porta a dare forma ad oggetti slegati da una collocazione temporale, slegati dalla moda del momento, ma che invece possono trovare una collocazione universale, proprio perché espressione intima dell’artista

12. Qual è la vostra definizione di bellezza? 

Giusy : Definisco bello un oggetto che genera in me emozioni positive, che smuove l’animo, che mi fa riflettere sul senso delle cose, che trovo in armonia col mio “essere”

13. Quali oggetti hanno un significato speciale per voi? 

Giusy : Lesculture in trittico “Ona” , “Usi” , “Ela” le ricordo da piccolina e mi piaceva l’idea che papà avesse dato loro i nostri nomi. Oggi questo fatto sottolinea il nostro legame ancora di più.

Anche le più recenti sculture verticali, per il ricordo che ho di mio padre durante la loro realizzazione.

14. Cos’è la Galleria Il Diagramma ed è aperta al pubblico? 

Giusy : La Galleria Il Diagramma è il nostro spazio espositivo, scavato in una grotta ipogea in carparo, che in passato ha ospitato diverse mostre d’arte, tra cui una personale di Ernesto Treccani nel 1986 e 4 edizioni della Biennale Internazionale di Ceramica Contemporanea, organizzate da Ciro Fornaro tra il 1987 ed il 1993.

Attualmente, oltre alla nostra produzione, in una parte del locale ospitiamo in modo permanente alcune opere in ceramica di artisti contemporanei da tutto il mondo.

15. La vostra azienda è riconosciuta a livello nazionale, ma il vostro sito attrae anche un pubblico internazionale: come siete riusciti a farvi conoscere all’estero e come alimentate questo interesse oltre confine?

Giusy :Dopo l’esperienza delle biennali per un certo periodo abbiamo partecipato per alcuni anni a fiere internazionali a Milano, nei settori del Modern e Design, proprio perché il tipo di produzione più moderna, sia scultorea che dell’oggettistica, ci ha spinto verso un pubblico internazionale.

L’avvento di internet e delle tecnologie annesse ha facilitato questo processo, ma ci preme sottolineare come la nostra azienda sia fortemente improntata alla manualità ed originalità della produzione. i nostri clienti stranieri apprezzano soprattutto il fatto che siano oggetti non seriali ma realizzati in pochissimi esemplari, ed ogni pezzo viene lavorato singolarmente ed ha un qualche particolare, che sia la forma irregolare, o il disegno inciso, o le sfumature di colore, che lo rende assolutamente unico rispetto agli altri.

16. In che modo il covid-19 ha avuto un impatto sulla vostra attività e come state affrontando questo ostacolo? 

Giusy : L’emergenza sanitaria causata dal covid-19 ci ha privato in estate, e continua a farlo, di una fetta di visitatori stranieri, per lo più americani, ma anche in parte europei, che erano soliti trascorrere le vacanze in Puglia.

Il lockdown è stato però anche un momento per fermarsi e sperimentare dei nuovi rivestimenti e tecniche.

Per poter far fronte all’impossibilità di raggiungere fisicamente il nostro laboratorio abbiamo incrementato il sito con una pagina dedicata allo shop, mentre le pagine sui social vengono costantemente arricchiti di contenuti anche legati alle fasi di lavorazione, anche se l’esperienza tattile legata alla ceramica è fortemente penalizzata, o meglio, solo rinviata!

Già da molti anni offriamo ai nostri clienti un servizio di spedizioni internazionali, affidandoci ai migliori professionisti per l’imballaggio dei nostri pezzi.

Confidiamo di poter tornare al più presto alla normalità, nel frattempo chiunque fosse interessato può fare riferimento al nostro sito o alle nostre pagine social.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s